Legambiente ci suggerisce una serie di segreti e consigli per non sprecare l’acqua, nel manuale ”il mondo è fatto di gocce”.

A quanti di noi è successo di trovare o dimenticare un rubinetto in giro per casa che gocciolava? Quando ciò accade, (o meglio, prima che ciò accada) ricordatevi che un rubinetto che perde spreca circa 90 gocce d’acqua al minuto, che corrispondono a 4.000 litri in un anno. Se il rubinetto, anzichè gocciolare, rimane proprio aperto, può perdere tra gli 8 e i 10 litri d’acqua al minuto.

Contribuire al risparmio idrico della risorsa più importante che esista è fondale, e per farlo bisogna coinvolgere l’intera comunità. Ecco dunque una serie di segreti e consigli per non sprecare l’acqua.  Nel manuale “Il mondo è fatto di gocce” Legambiente raccoglie e sintetizza una serie di soluzioni per ridurre i consumi idrici urbani, domestici e legati all’agricoltura. In particolare, partendo dalle grandi aree urbane: Affinchè sia possibile utilizzare meglio l’acqua, bisogna rivedere gli acquedotti riducendo perdite e grandi sprechi.Potenziare, poi, la rete di depurazione che attraverso il recupero delle acque piovane permette di depurare e riutilizzare le stesse, per usi non potabili.  Questa pratica è utilizzabile attraverso la diffusione e l’utilizzo dei ”tetti verdi”, o giardini pensili che accumulano l’acqua piovana.

I segreti e consigli per non sprecare l’acqua, riguardano anche l’agricoltura. Essa infatti detiene il primato dell’utilizzo dell’acqua: circa 17 miliardo di metri cubi di prelevi idrici annui. Quello che i cittadini possono e devono fare per preservare e utilizzare al meglio la risorsa più preziosa è proprio quello di scegliere e coltivare varietà più resistenti alla siccità, migliorare le pratiche d’irrigazione e somministrare l’acqua solo quando è strettamente necessario. Inoltre, utile è puntare a sistemi di microirrigazione a goccia che fanno risparmiare circa la metà dell’acqua utilizzata con le pratiche di irrigazione comuni.

Segreti e consigli per usare meglio l’acqua in casa: Per risparmiare acqua all’interno delle proprie mura domestiche potreste applicare ai rubinetti dei semplicissimi riduttori di flusso, che vi aiuteranno a gestire meglio gli sprechi e risparmiare sul consumo dell’acqua fino al 30% in più. In giardino, invece, utilizzate degli impianti a goccia programmati tramite un timer, oltre ad utilizzare l’acqua piovana o quella che poco prima avete usato per lavare frutta e verdura.

“Oggi la sfida della gestione sostenibile della risorsa idrica – dichiara Rossella Muroni, presidente nazionale di Legambiente – si può vincere solo con un’attenta ed efficiente pianificazione di interventi, con politiche serie ed efficaci di adattamento al clima, di risparmio e tutela dell’acqua. Tra le questioni da affrontare ci sono prima di tutto l’inefficienza delle reti di distribuzione, la dispersione idrica che a Roma raggiunge oltre il 40%, la mancanza di piani strategici e innovativi per una sua diversa gestione e il fatto che l’acqua in Italia costa troppo poco, negli usi civili come in agricoltura, e anche per questo se ne consuma troppa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *